lunedì 25 maggio 2009

regina

messaggio ricevuto da FEDERICO PORRO fondatore del gruppo
"DALLA PARTE DEGLI ANIMALI "
indirizzo http://www.facebook.com/group.php?gid=49183900739
Regina era un incrocio di Mastino di 5 anni. Era già stata tradita dall’uomo che l’aveva abbandonata, viveva nel rifugio dell’Associazione Ribercan a Carcaixent (Spagna). Il gruppo che se ne occupava cercava di guadagnare dolcemente la fiducia di questa cagna timorosa ed impaurita e ci stava riuscendo. Poco a poco Regina si lasciava accarezzare e si faceva anche coccolare.Ma un mattino l’equipe del Rifugio scopre una terribile scena dell’orrore. Le serrature sono sono state distrutte, 3 cani sono stati portati via e uno di essi sarà ritrovato gettato sotto un recinto.Ma soprattutto, scoprono la loro Regina, morta, di una morte atroce…le sue zampe sono state legate con del filo di ferro perché non potesse difendersi e questi mostri l’hanno evidentemente violentata…Si sono anche “divertiti”ad introdurre dei frutti nel suo orifizio anale, in più presentava segni di violenti colpi sulla testa, ed il muso stravolto dal dolore che riposava in un mare di sangue.La storia di questo innocente animale, vittima di perversi zoofili ha già fatto il giro dell’Europa e molte Associazioni per la Protezione dei cani spagnoli, levrieri e non,sperano di proporla di come simbolo al fine di mettere fine e di punire questi atti inumani. Numerosi artisti locali hanno apportato il loro sostegno in omaggio a Regina, e una manifestazione le è stata dedicata per il prossimo 7 Giugno a CARCAIXENT.
Bisogna sapere che ogni anno in Spagna 50.000 levrieri (galgos) muoiono bruciati vivi, vittime di strangolamento lento, trascinati dietro le vetture, oppure ancora spellati vivi. I più fortunati sono uccisi con una botta sulla testa oppure abbandonati. Queste torture sono dovute all’abitudine dei proprietari il cui principio è quello di punire il cane, diventato inefficace per la caccia, e torturarlo fino alla morte. Nel paese della corrida il cane da fare soffrire è diventato un gioco divertente e gli autori di questi atti se ne vantano sicuri dell’impunità.
E’ la ragione per cui la tortura si estende anche ai cani di altre razze, cani da caccia e non, e noi non possiamo lasciar fare questo in un paese membro dell’Unione Europea.
Se volete dare il vostro sostegno e lottare contro questa barbarie:
Ecco il testo da copiare- incollare ed inviare per mail al Presidente del Governo Spagnolo Josè Luis Zapatero e al Ministero della Giustizia a questi indirizzi:
jlrzapatero@presidencia.gob.es
sala_prensa@Justicia.es
prensa@mju.es
Señor Presidente,
Regina era una perra preciosa y buena. Ella esperaba pacientemente en el refugio donde estaba acogida (RIBERCAN) esa familia que la adoptaría y la haría muy feliz. Pero lo que ella no esperaba, era que unos despiadados y abominables criminales le harían una de las peores bajezas, VIOLARLA!
Regina fue violada por unos hombres que la martirizaron sin ningún remordimiento o compasión. Regina murió en unas circunstancias, terribles y con mucho sufrimiento. Le introdujeron objetos por sus partes genitales. Los voluntarios del refugio la encontraron en medio de un charco de sangre!!Estos salvajes, destrozaron la valla del Refugio, la sacaron de su pequeña caseta y después la violaron y torturaron.
La violación es un crimen castigado por la ley, pero doble crimen si se comete con animales. Este acto no es solamente inmoral, si no que también va contra la naturaleza. Es impensable que los humanos puedan satisfacer sus necesidades sexuales con los animales.
El vicio y la violencia corrompen una sociedad entera!
No hay que dejar que la muerte de Regina quede impune, al contrario, hay que hacer todo lo posible para que la zoofilia sea castigada con pena de cárcel, tal y como pasa con la pedofilia,
Las leyes tienen que ser aplicadas y no se puede tolerar ningún tipo de presión sobre los jueces.
Hoy, el refugio RIBERCAN pide ayuda y nosotros respondemos a su llamada de auxilio para que las autoridades españoles tomen medidas severas contra esta infamia.
Señor Presidente, por favor, no deje este crimen impune.
En memoria de Regina, pequeña víctima de los instintos más bajos de los hombres, y en nombre de todos los animales que sufren la perversión de estos monstruos llamados humanos.
Le saludamos atentamente, esperando tenga en consideración el motivo de esta carta.
Nom- Nome
Prénom-Cognome
Ville-Città
Pays-Nazione

Traduzione del testo:
Signor Presidente,Regina era una belle a gentile cagnetta, era molto malinconica nel suo rifugio di RIBERCAN in Spagna. Aspettava dunque pazientemente una famiglia, ma quello che non si aspettava è la sorte impietosa che abominevoli criminali stavano per farle subire: La violenza!Regina ha subito la violenza degli uomini che l’hanno martirizzata senza l’ombra di un rimorso. E’ morta dopo inaudite sofferenze. I suoi organi genitali furono penetrati da alcuni oggetti. Regina fu ritrovata in un mare di sangue! Distrutte le serrature del rifugio i suoi assassini l’hanno tolta dalla sua minuscola cuccia e, dopo, l’hanno violentata e torturata.La violenza è un crimine punito dalla legge, ma è doppio crimine se compiuto sugli animali, perché questo atto è non solo immorale, ma soprattutto contro natura: non è concepibile che degli esseri umani possano sfogare i loro istinti sessuali su degli animali. Il vizio e la violenza sono malattie che corrompono una società intera. La morte di Regina non deve restare impunita, DOBBIAMO, al contrario, fare di tutto perché la zoofilia sia condannata alla prigione, come la pedofilia che porta alla violenza sui bambini. Le leggi devono essere applicate e nessuna pressione sui giudici può essere tollerata. Oggi il rifugio di RIBERCAN chiede aiuto. Rispondiamo dunque al suo appello affinchè le autorità spagnole adottino misure severe contro questa ignominia.Signor Presidente, non lasci impunito questo crimine, in memoria di Regina, piccola vittima degli istinti peggiori degli uomini, e nel Nome di tutti gli animali che subiscono la perversione di questi mostri che si dicono umani!.Vi preghiamo di credere, Signor Presidente, nell’espressione della nostra più alta considerazione.
Informazioni di contattoE-mail:
Sito Web: http://agir-pour-les-galgos.over-blog.com
edit----> il video su youtube (vi avviso che le immagini sono molto crude)http://www.youtube.com/watch?v=xW9b2Iy8d5A

2 commenti: